Celyne e Luca 21 Agosto 2010

Salve a tutti!

Eccomi di nuovo con voi con un altro mio cake topper personalizzato da mostrarvi … perdonatemi se l’ho già pubblicato … ma io con la testa che mi ritrovo in questi giorni …

In inglese c’è un espressione che mi fa sempre tanto ridere per descrivere come uno si sente quando ce ne ha troppe per la testa e si sento confuso. Si dice, "I don’t know whether I’m Arthur or Martha". Sono due nomi che fanno rima anche se non si direbbe da come sono scritti (si pronunciano Aatha  e Maatha). Praticamente si intende che sei così confuso che non sai più se sei maschio o femmina. A me fa tanto ridere perchè per arrivare al punto di non sapere più il proprio sesso, che tipo di confusione deve avere uno in testa??  Attenzione: che c’è ancora speranza per me : o ) non sono arrivata a questo punto!

I volti dei protagonisti di oggi dovete immaginare perchè non ho ancora avuto risposta da loro… (saranno di ritorno dal viaggio di nozze). Non dovete immaginare però l’hobby dello sposo … si capisce perfettamente che ha una passione per il calcio e che cerca di coinvolgere la moglie quando può: vedete come ha il piedino pronto per colpire la palla anche lei? Sotto la sua giacca lo sposo porta la maglietta della sua squadra locale.

Mi piace com’è venuto … mi piace tanto.

Le prenotazioni per il 2011 sono aperte e sto prendendo QUALCHE ordine per il 2010.

2 Comments

Join the discussion and tell us your opinion.

Tatyreply
September 08, 2010 at 02:09 PM

Ciao Mary!
Come sempre ci sai stupire con la tua bravura ma come ci dici di frequente l’ingrediente segreto che usi ogni volta è ….il CUORE!!!!
Si vede da ogni tua creazione!!!!
Chi ti conosce capirà perfettamente la confusione che puoi avere … e meno male che ti ricordi di essere Mary!!!!Scherzi a parte …come state? Tutto ok?Un abbraccione.

maryreply
September 08, 2010 at 02:09 PM
– In reply to: Taty

Mi hai fatto sorridere Taty! Grazie … sono contenta che si vede il ‘cuore’ che ci metto perchè più vado avanti e più ce ne metto… uno direbbe, col tempo si diventa veloci..si prende la mano.. e si ‘vola’.
Non è vero …io ho notato che impiego più ora per farne uno che quanto ci impiegavo l’anno scorso.
Si tira avanti, come si dice (in risposta alla tua domanda, ogni tanto si sente qualche scossetta) ma tutto sommato stiamo bene.
Un bacio Taty!
<3

Leave a reply